Arezzo - La locuzione "Quarto Reich" si è talmente diffusa, che compare come voce anche nell’enciclopedia online Wikipedia, dove si legge che il termine si riferisce alla possibilità di un’ascesa e ritorno al potere in Germania e in Europa. Di tale delicata questione, i giornalisti Gennaro Sangiuliano e Vittorio Feltri tracciano un quadro generale quanto particolarmente inquietante, analizzando la situazione venutasi a creare nell’area euro, dove in un decennio, grazie alla moneta unica e alla "gabbia istituzionale" dell’Unione, la Germania è riuscita a imporre sul Vecchio Continente una condizione di predominio economico e di egemonia politica. Ma se per i cittadini tedeschi l'era del Quarto Reich significa benessere, lavoro e crescita, per le altre nazioni, soprattutto del Sud Europa, vuol dire povertà, disoccupazione e recessione, come sperimentano ogni giorno sulla loro carne viva, milioni di europei, stretti nella morsa di una crisi economica decisamente più grave e prolungata di quella del 1929.

La storia di questo ruolo della Germania in Europa ed in particolare nell’Unione europea, è un racconto inedito, soprattutto se in relazione alle vicende politiche dell’Italia, il Paese che per decenni è stato partner amichevole dei tedeschi, ma anche temibile concorrente economico sui mercati mondiali. Si tratta di una vicenda complessa e "nascosta", fatta anche di lettere riservate a capi di governo, telefonate segrete alle più alte cariche di Stati sovrani, pressioni esercitate in mille modi da poteri forti che si muovono sovente al di fuori e al di sopra delle elementari regole democratiche.

Di questo interessantissimo argomento, si parlerà con il vicedirettore del TG1, Gennaro Sangiuliano (autore assieme a Vittorio Feltri del libro "Quarto Reich: come la Germania ha sottomesso l'Europa", Mondadori) ospite nel prossimo appuntamento della rassegna "Incontri d’Autore" previsto sabato 6 dicembre alle ore 17.30 nella prestigiosa location del Teatro Vasariano in piazza del Praticino.

La fortunata rassegna, ideata e condotta dai giornalisti Antonella di Tommaso e Roberto Messina, è organizzata dall’Associazione culturale “Ailanthus” e si avvale del patrocinio dell’Assessorato allo Sport e Politiche Giovanili del comune di Arezzo, dell’Associazione “Ancos” di Confartigianato persona, Lions Club Host Arezzo, AIG-Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù, Forum Nazionale dei Giovani, Rubbettino editore, Premio “Il Viaggiautore”, Accademia “Gioacchino da Fiore”, ma anche del prezioso contributo del Circolo Artistico unitamente alla Libreria Mondadori di Arezzo che hanno messo a disposizione le locations, oltre al sostegno tecnico del ristorante Buca di San Francesco, Vogue Hotel, B&B Garden, Memar Finestre con cuore, Casa delle Nuove Energie, IAMT - Italian Association for Medical Tourism Development, EDN-Excellence Dental Network, Istituto d’Arte e Restauro “Palazzo Spinelli” Firenze, azienda di tipicità Casa Bertini, Liquori Caffo, e della “Filarmonica Guido Monaco” che suonerà la “colonna sonora” di ogni “pomeriggio d’autore”, così come dell’opera artistica di Olimpia Bruni le cui apprezzate litografie vanno in dono ai relatori.