“Nell’epoca degli SMS e delle email, la scrittura a mano, unica e irripetibile, è ancora un’alleata preziosa per scoprire qualcosa di più su chi ci sta accanto e approfondire la conoscenza di noi stessi. Vizi, attitudini, inclinazioni professionali, infatti, si riflettono nella grafia che, come una macchina della verità, mette in luce i nostri pregi e i nostri difetti. Siamo leali o bugiardi? Ottimisti o pessimisti? Dominanti o dipendenti?” questo e tanto altro sarà svelato dalla grafologa Candida Livatino sabato 22 novembre ore 17.30, nel salone delle feste del Circolo Artistico di Arezzo. E' il terzo appuntamento della rassegna denominata “Incontri d’Autore”, ideata e condotta dai giornalisti Antonella di Tommaso e Roberto Messina, ed organizzata dall’Associazione culturale “Ailanthus”, col patrocinio dell'Associazione “Ancos” di Confartigianato persona, Lions Club Host di Arezzo, AIG-Associazione Italiana Alberghi per la Gioventù, Forum Nazionale dei Giovani, Rubbettino editore, Premio “Il Viaggiautore”, Accademia “Gioacchino da Fiore”, La manifestazione si avvale del prezioso contributo del Circolo Artistico, unitamente alla Libreria Mondadori di Arezzo, che hanno messo a disposizione le locations, oltre al contributo tecnico del ristorante Buca di San Francesco, azienda di tipicità Casa Bertini, Liquori Caffo, Vogue Hotel, B&B Garden, Memar Finestre con cuore, Casa delle nuove energie, IAMT - Italian Association for Medical Tourism Development, EDN-Excellence Dental Network, Istituto d’Arte e Restauro “Palazzo Spinelli” Firenze, e della “Filarmonica Guido Monaco”, che suonerà la “colonna sonora” di ogni “pomeriggio d’autore”. L’incontro di sabato con Candida Livatino, perito grafologo, specializzata in analisi della scrittura, dei disegni dell’età evolutiva e valutazione grafologica finalizzata alla selezione del personale, nonché ospite fisso nei rotocalchi di informazione Mattino Cinque, Pomeriggio Cinque e Domenica Cinque, e con i telegiornali del gruppo Mediaset; in particolare, per TgCom24 analizza i disegni dei bambini, sarà un’occasione per approfondire un argomento sempre più attuale anche grazie a recenti avvenimenti di cronache dove proprio la perizia calligrafica ha ed ha avuto un ruolo di primo piano. La Livatino analizzerà “in diretta” la scrittura del pubblico e bisserà l’appuntamento domenica 23 alle ore 15.30 al Convitto nazionale Santa Caterina di Via Garibaldi nell’ambito della festa dedicata alla patrona e dove si continuerà a parlare di scrittura anche con lo storico dell’arte Olimpia Bruni, che presenterà una delle figure più importanti, ma poco indagata di questo settore, Christine De Pizan. La cittadinanza è invitata ai due eventi